area pazienti

Storie di pazienti

Foto le vostre storie

Storia di Ilaria

Oggi ho deciso di raccontarmi e voglio accompagnarvi in quello che è stato il mio lungo viaggio “della speranza”.

Mi chiamo Ilaria, ho 26 anni e abito a Vercelli.

Avevo quasi 19 anni, frequentavo l’ultimo anno di Magistrali, quando nel giugno 2000, proprio nel periodo della maturità scolastica, fui colpita da un’improvvisa stanchezza e da grosse ecchimosi su tutto il corpo.
Dopo una serie di accertamenti urgenti la diagnosi fu atroce: leucemia promielocitica acuta. E’ una rara forma di leucemia acuta mieloiode, chi si ammala ha pochissimo tempo per la cura, perché se la malattia non viene aggredita per tempo può portare alla morte nel giro di soli 60 giorni.
Mentre cercavo, frastornata e sempre più impaziente, di capire cosa mi stesse accadendo, cominciai a sottopormi all’inferno dei cicli di chemioterapia.
Il primo sentimento che ho provato è stato di rabbia e di paura, paura di soffrire tanto, paura di non guarire, di non sapere bene a cosa stavo andando incontro.
Dopo poco tempo cominciai ad assistere impotente alla caduta dei miei bellissimi capelli ramati e a mettere su qualche chilo di troppo per colpa delle cure.
E’ stata davvero dura, ma ho cercato di non perdere l'entusiasmo e la voglia di vivere che avevo sempre avuto. La mascherina e la bandana erano diventati i miei oggetti usuali.
I medici sostenevano che un 50% della riuscita delle cure sarebbe dipesa da me; quando ho sentito queste parole ho deciso che ce l’avrei messa tutta, soprattutto per la mia famiglia, i miei genitori che hanno sofferto e lottato con me dandomi tanto amore e tanta forza.
La malattia e la sofferenza provocano grande dolore ma hanno anche un grande effetto: quello di unire profondamente le persone, almeno nelle situazioni difficili tutte le persone sono uguali, non esistono differenze di età! Esistono solo persone che si trovano a condividere una situazione dolorosa e che si aiutano a vicenda per superare la sofferenza.

Questa solidarietà ha fatto si che non mi sentissi mai sola: qualsiasi persona mi regalava qualcosa di veramente grande … la forza e il coraggio per vivere quei momenti difficili.
Quando arrivai in ospedale la sera del 21 giugno 2000 ricordo ancora il fantastico sorriso e l’accoglienza della mia compagna di stanza. Fui accolta da un angelo, si chiamava Patrizia, aveva 27 anni …
Mi sembrava di conoscerla da tempo, si prese subito cura di me (come una mamma fa con i suoi bambini) mi insegnò tutto quello che riguardava la malattia, i suoi aspetti positivi e negativi, la chemioterapia, le medicine che avrei dovuto prendere ed eventuali sfoghi e peggioramenti (ricadute) …
Sapeva farmi ridere in momenti di dura tempesta, sapeva come farmi rialzare ad ogni mia caduta … conosceva tutto di me. Oltre a Patrizia incontrai altri ragazzi (Salvatore, Barbara, Luca) ognuno di loro mi regalò un sostegno, fisico e psicologico, non mi fecero mai sentire sola, mi diedero qualcosa di veramente grande.

Purtroppo per loro il destino è stato crudele e non hanno avuto la mia stessa fortuna. Non li dimenticherò mai …
Riuscii ad andare in remissione con la prima chemio. Per tre anni, una volta alla settimana venivo curata dal Reparto di Oncologia di Vercelli, a cui devo un enorme ringraziamento per le cure prestatemi.

Spero vivamente che tutte le persone che vivono situazioni difficili possano avere a fianco familiari e amici capaci di aiutarle e sostenerle giorno dopo giorno come è stato per me; nessuno di noi nella vita si meriterebbe di soffrire.
Il ricordo vivissimo degli amici che ho perso mi dà tuttora la forza di guardare avanti e di portare questa storia fuori dalle mura della mia vita. Per questo oggi ho voluto fare un tuffo nel passato, con la speranza che non sia stato inutile e noioso, perché ne accadono di cose e mai avrei immaginato di poterle vedere o vivere in prima persona. Io ce l’ho messa tutta e il miracolo, grazie all’assistenza e alle cure che mi sono state date, si è avverato!

Storia di Ilaria 

0
0
0
s2sdefault