area pazienti

Storie di pazienti

Foto le vostre storie

Storia di Fabio

Dieci anni fa ho avuto un’influenza e sono svenuta. All’epoca abitavo a Roma e sono stata ricoverata all’ospedale San Giovanni, dove sono stata sottoposta ad analisi che hanno dato valori alterati. Per alcuni anni ho continuato a fare accertamenti, ma i valori non si normalizzavano. L’anno scorso, da uno di questi esami di routine, è emerso che questa alterazione si era elevata e quindi mi sono rivolta al professor Mandelli e poi alla dottoressa Petrucci; a gennaio ho iniziato le cure e adesso sto meglio. Ad aiutarmi è anche il mio carattere forte, che mi ha permesso di reagire in modo attivo, cercando sempre di impegnarmi in qualcosa per scacciare i pensieri negativi. Sono convinta che non ci si debba adagiare sulla sofferenza, ma anzi, bisogna farsi coraggio.
Curarsi, non fare tragedie, soprattutto per non angosciare le persone care che ci stanno accanto e che si preoccupano già tanto per noi. Riconosco però che mi è capitato spesso di sentirmi nervosa, anche a causa delle medicine che prendevo e l’insonnia, di cui soffrivo già da prima, si è accentuata.
I medici..
A sostenermi, insieme al mio carattere, è stato anche il rapporto con i medici che mi seguivano, un rapporto basato sulla comprensione e sull’umanità. Non mi riferisco solo al professor Mandelli, ma anche alla dottoressa Petrucci che inizialmente ha cercato di risparmiarmi una cura più forte. I risultati sono stati buoni e devo ringraziare tutto il Centro ematologico di Roma per la disponibilità e l’attenzione che prestano ai pazienti.

Storia di Fabio    
Storia raccolta in occasione dell’iniziativa “AIL – Pazienti Mieloma”

0
0
0
s2sdefault