area pazienti

Storie di pazienti

Foto le vostre storie

Storia di Melania Rizzoli - Vicepresidente AIL

"Le malattie diventano curabili non con i miracoli, ma con il progresso della scienza.
Dopo essere guarita da un Linfoma non-Hodgkin mi batto per aiutare la ricerca".
La storia di Melania Rizzoli - Vicepresidente AIL

Conferenza Stampa: Viaggia anche tu contro i linfomi - 14 settembre 2006

Premetto che sono un medico specialista. Nel 2001 ho scoperto di avere un Linfoma non-Hodgkin. Per me è stato terribile perché come medico sapevo benissimo a cosa sarei andata incontro. Me ne sono accorta per caso, perché ho iniziato improvvisamente a russare la notte e mio marito non riusciva più a dormire. Da medico ho letto subito in questo un possibile sintomo. Il Linfoma mi aveva colpito nel rinofaringe, nel naso, nelle adenoidi.

Avevo 43 anni allora ed ero nel pieno della mia vita, con due bambini piccoli. Ho dovuto iniziare la chemioterapia e la radioterapia di protocollo con tutte le conseguenze che conosciamo. E la malattia è regredita. Dopo un anno, quando pensavo ormai di aver risolto, mi erano ricresciuti i capelli e la mia vita era tornata normale, il Linfoma è tornato. A quel punto sono dovuta passare ad una terapia pesantissima con una chemioterapia ad altissime dosi per poter poi procedere ad un trapianto di cellule staminali. Fortunatamente il mio midollo non era preso dalla malattia e potevo produrre staminali che ho conservato in "banca" in attesa del trapianto. La chemioterapia così forte mi aveva completamente eliminato le difese immunitarie perché dovevo distruggere il mio midollo.

Se avessi avuto il cordone ombelicale dei miei figli parte di queste sofferenze mi sarebbero state risparmiate. Per questo da allora mi batto per una legge che consenta la raccolta delle staminali dal sangue del cordone ombelicale come riserve vitali per la cura di tante malattie.

Dopo il trapianto, con il midollo nuovo sono stata curata anche con anticorpi monoclinali come terapia di mantenimento. E ora sono perfettamente guarita.

Nel 1995 Jaqueline Kennedy moriva dopo aver rifiutato di sottoporsi ad un trapianto di cellule staminali. Sei anni dopo io sono guarita proprio grazie al trapianto che nel frattempo era diventato un protocollo di cura. Questo non è un miracolo: è il progresso della scienza.

E' per questo che io da allora mi batto per aiutare la scienza. Mettendo in campo tutte le conoscenze mie e di mio marito, Angelo Rizzoli, mi sono impegnata nella raccolta fondi per l'AIL. Perché la ricerca vive solo con i finanziamenti ed è solo con il progresso della ricerca scientifica che alcune malattie diventeranno curabili. Per il mio impegno il Prof. Mandelli e tutto il consiglio dell'AIL mi hanno nominata vicepresidente dell'associazione.

Una carica che ricopro con immenso orgoglio, ho lasciato la corsia d'ospedale e mi dedico a questo. Penso di essere ancora più utile così.   

0
0
0
s2sdefault