English Flag icon

cosa puoi fare tu

Contributi da Fondazioni e Associazioni

L’AIL si occupa di partecipare a bandi pubblici e di effettuare richieste dirette ad Enti Pubblici, Fondazioni aziendali, bancarie o private, o Associazioni terze, per finanziare progetti riguardanti le attività tipiche dell’associazione o interventi speciali, che necessitano di finanziamenti straordinari.

Fondazione BNL - Vetture per l’assistenza domiciliare

La Fondazione BNL ha destinato all’AIL una donazione finalizzata al sostegno delle attività di Cure Domiciliari. Sono state acquistate 7 automobili (fiat panda 1,2 Easy) e donate alle sezioni di Avellino, Catania, Frosinone, Ravenna, Reggio Calabria, Taranto ed Udine. Le sezioni sono state estratte tra 24 sezioni richiedenti. La disponibilità di una automobile efficiente, è un requisito fondamentale per consentire all’équipe professionale di partire dalle strutture ospedaliere per recarsi presso le abitazioni dei pazienti ed erogare le cure necessarie.

Chiesa Valdese – Solidarietà al telefono

Il Numero Verde “AIL – problemi ematologici” che si svolge ogni anno in occasione della Giornata Nazionale del 21 giugno, nell’edizione 2016 è stato finanziato anche grazie ai fondi stanziati dalla Chiesa Valdese. L’AIL nazionale ha partecipato ad un bando, che è stato approvato nel 2015, per l’ottenimento dei fondi dell’8x1000 destinati a progetti meritevoli in ambito sociale. Oltre al Servizio attivo il 21 giugno, tali fondi hanno permesso l’attivazione di un Numero Verde speciale da luglio a dicembre 2016 ogni primo lunedì del mese, grazie al quale i pazienti hanno potuto contattare direttamente ematologi esperti di diverse città italiane.

Ristrutturazione Reparto Ematologia Pediatrica Policlinico Umberto I di Roma

L’AIL nazionale si è impegnata negli ultimi anni a reperire i fondi per finanziare i lavori di ristrutturazione del Reparto di Ematologia Pediatrca del Policlinico Umberto I di Roma. Il reparto, non rinnovato da 22 anni, versava, infatti, in uno stato di obsolescenza avanzato tale da non essere più adeguato alla gravità delle malattie e alla cura dei piccoli pazienti. Grazie al contributo dei sostenitori ROMAIL, di 30Ore per la Vita e di un finanziamento da parte diuna Fondazione Bancaria, l’AIL è riuscita a realizzare questa grande opera conclusasi a dicembre 2016.