manifestazioni

Il medico di famiglia

Il medico di famiglia (o medico di fiducia, medico di medicina generale, medico di base) è la persona scelta da ciascun cittadino per garantirsi l’assistenza nell’intervento sanitario di primo livello, l’assistenza all’esterno dell’ospedale.
A differenza dello specialista, il medico di fiducia cura la salute dei suoi pazienti nel complesso, conosce ed educa i suoi assistiti alla salute.
I medici di base hanno un ruolo chiave nella prevenzione, diagnosi precoce dei tumori, rinvio del paziente presso i centri specialistici e monitoraggio dei presidi terapeutici.
Il medico di base ha un importante ruolo soprattutto nella cura del paziente anziano, perché deve saper discernere ed individuare le varie interazioni tra stato cognitivo, influenze psicologiche e stato delle malattie.

In campo ematologico la funzione del medico di base può essere duplice:

  1. deve saper individuare gli eventuali problemi ematologici ed indirizzare il paziente presso centri specializzati nella cura di patologie onco-ematologiche
  2. deve poi collaborare con lo specialista nell’assistere a domicilio il malato per le sue necessità.

Sta assumendo sempre maggiore importanza il coinvolgimento del medico di base nell'assistenza al paziente in fase molto avanzata. Rappresenta infatti un interlocutore irrinunciabile per la gestione dei problemi sanitari e psicosociali dei pazienti anziani in fase terminale.

Il ruolo del medico nell’ambito geriatrico ematologico deve essere quello di collaborare con lo specialista ematologo, per individuare l’eventuale insorgenza di altre patologie diverse dal problema ematologico in atto.
Deve inoltre saper indirizzare il paziente presso le strutture sanitarie più adeguate per la risoluzione dei diversi problemi di salute, considerando le diverse fasi della malattia.

0
0
0
s2sdefault