English Flag icon

manifestazioni

Giulio Terrinoni

giulio terrinoni

Chi è Giulio Terrinoni

"Le uova di AIL sono un appuntamento importante perché ci fanno riflettere su quanto la ricerca scientifica possa cambiare la vita delle persone. Questa è stata la motivazione principale che mi ha spinto a sostenere la loro attività"
Giulio Terrinoni:
chef de “Per Me”
1 stella Michelin

Giulio Terrinoni cresce tra i fornelli, da subito immerso nella cucina tradizionale laziale nel ristorante di famiglia. Inizia il suo percorso di studi presso l’Istituto alberghiero di Fiuggi, dove scopre una passione per l’alta gastronomia assecondando un impeto viscerale d’amore per la cucina, che trova subito riscontro con esperienze dirette al Grand Hotel Palazzo della Fonte; Hotel Sheraton di Roma e nuovamente nella “sua” Fiuggi, presso il Ristorante La Torre, al fianco di Antonio Ciminelli.

La chiave di volta a livello professionale arriva con l’apertura di Acquolina Hostaria, dove Giulio prende in mano le redini della cucina e del team in sala. Un locale segnato da successo e soddisfazioni unanime di pubblico e stampa: coronato nel 2009 dalla prestigiosa Stella Michelin.

Nel 2010 entra nel circuito dei JRE Giovani Ristoratori d’Europa, mettendo a segno un altro traguardo professionale, per poi pubblicare il suo primo libro autobiografico nel 2013: L’Importanza del Riccio.

Il vissuto professionale lo porta a consolidare il ruolo di docente presso le più prestigiose scuole d’Italia, come Gambero Rosso e Coquis Ateneo Italiano della Cucina. La sua ricerca lo porta anche fuori dai confini nazionali con numerose consulenze di spessore in Islanda, Mosca e New York.

Alla ricerca di un’esperienza individuale, lascia Acquolina nell’estate 2015 per lanciarsi in un nuovo ed entusiasmante progetto al centro di Roma: Per Me – Giulio Terrinoni, premiato dal Gambero Rosso a giugno 2016 come novità dell’anno, con un Cappello per i Ristoranti d’Italia 2017 de le Guide dell’Espresso e dalla Guida Michelin 2017 con l’ambito riconoscimento della Stella Michelin dopo soli 11 mesi di attività.

La ricetta di Giulio Terrinoni:
zuppetta di cioccolato, biscotti e gelato alla banana

Ingredienti

  • 200 g di cioccolato fondente dell’uovo AIL
  • 200 g di cioccolato al latte dell’uovo AIL
  • 200 g di latte

Per la pasta frolla

  • 100 g di farina
  • 100 g di burro
  • 50 g di zucchero
  • 1 uovo piccolo
  • Cannella / Vaniglia / Cardamomo

Per la finitura

  • Gelato alla banana

Una ricetta elegante che gioca su temperature e consistenze, di grande effetto ma allo stesso tempo semplice. Ecco come prepararlo.
Iniziamo preparando la pasta frolla che deve freddarsi. Impastate tutti gli ingredienti insieme fino ad ottenere un composto omogeneo.
Con la metà della pasta frolla speziata formare delle piccole palline e cuocerle al forno. Con l’altra metà create dei dischi (uno per commensale) e cuoceteli al forno.
Sciogliete i cioccolati a bagnomaria e amalgamateli. Scaldate il latte senza portarlo a bollore e aggiungerlo alla cioccolata fusa. Amalgamate fino ad ottenere una crema liscia e corposa.
Servire la zuppa in un piatto fondo, aggiungere i crostini di frolla speziati ed infine aggiungere il disco di frolla al centro del piatto e posizionarci il gelato alla banana.

0
0
0
s2smodern