English Flag icon

In viaggio per guarire

 

Dopo i 14 incontri del 2018, riparte con il patrocinio di AIL, il progetto "In viaggio per guarire", premiato con l'assegnazione del primo premio dell'Italian Teacher Prize indetto dal MIUR (Ministero Istruzione Università e Ricerca), alla professoressa Anna Berenzi della sezione ospedaliera dell'I.I.S. "B.Castelli".

Il progetto ha come protagonisti alcuni studenti ed ex-studenti, in cura o già guariti, della Scuola in Ospedale presso l’Ematologia degli Spedali Civili di Brescia. 

Un gruppo di ragazzi, uniti dall’aver vissuto l’esperienza di una malattia ematologica od oncologica che ha messo a rischio la loro vita, girerà l’Italia per incontrare i loro coetanei. Racconteranno cosa hanno provato quando hanno visto svanire tutte quelle piccole e grandi cose che facevano parte della loro quotidianità e del sapore che esse hanno acquisito quando sono tornate ad affacciarsi nella loro vita. Racconteranno come è cambiato il loro modo di avere accanto familiari ed amici, di quanto ha pesato l’allontanamento di alcuni, la presenza non autentica di altri, ma anche la vicinanza e la solidarietà di altri ancora.

Parleranno di una scuola diversa incontrata in ospedale e a casa, una scuola su misura che li ha tenuti al passo con la “vita di prima”. Spiegheranno cosa ha significato per loro conoscersi e diventare amici. Testimonieranno con i loro vissuti l’importanza di scelte di generosità come la donazione del sangue o del midollo.

Ogni studente sceglierà la modalità espressiva a lui più congeniale, alcuni si racconteranno in prima persona, altri tramite contributi video in cui le riflessioni prenderanno forma grazie alla proiezione di immagini accompagnate da brani musicali.
Il progetto si propone di far sperimentare ai giovani in platea, come fosse un “laboratorio di empatia”, un modo di vivere alternativo rispetto ai modelli e ai valori proposti dalla società contemporanea, di promuovere la cultura della solidarietà e dell’inclusione e sensibilizzare al tema della donazione di sangue e di midollo.

Per altre info clicca qui

Pagina Facebook: 

0
0
0
s2sdefault