Supereroi della solidarietà

 

 banner pagina interna

 

AIL partecipa all’iniziativa promossa da Carrefour #BeASuperHero

Da lunedì 11 settembre a domenica 19 novembre in tutti i supermercati Carrefour, con una spesa di 20 euro, si riceve un bollino.

  • Nel retro di ogni bollino c’è un codice che consente di votare una tra le Onlus partecipanti.
  • Basta accedere al sito di Carrefour, registrarsi online e votare.
  • Più bollini si accumulano, più voti si possono dare.

Semplici regole per un gesto da supereroi!

Scegli AIL per sostenere i nostri progetti a favore dell’infanzia

Al termine dell’iniziativa, Carrefour farà una donazione complessiva di 500.000 euro che sarà ripartita proporzionalmente tra le Onlus che hanno aderito, in base al numero di voti ricevuti.

Votaci e diventa un Supereroe della solidarietà, Be a Superhero!

Per maggiori informazioni e inserire il codice clicca qui.

0
0
0
s2sdefault

Il Prof. Franco Mandelli si schiera a favore dei vaccini

 

Prof. Mandelli"Il problema dei vaccini ha sconvolto purtroppo tanti genitori che hanno letto sugli organi di stampa il possibile nesso tra i vaccini e l’autismo. 

 Non esiste alcun nesso, anche come concausa, tra i vaccini e l’autismo.

I vaccini sono stati una delle scoperte più importanti della medicina e hanno permesso di salvare milioni di vite umane in tutto il mondo.

Il Ministro della Salute, onorevole Beatrice Lorenzin, è riuscita a far approvare l’obbligo di somministrare ai bambini 10 vaccini con effetti collaterali minimi, praticamente assenti, rispetto ai vantaggi che invece si possono ottenere.

Come presidente nazionale AIL ritengo sia importante che la nostra Associazione sostenga decisamente, senza dubbio alcuno, la necessità di impiegare i vaccini obbligatori e, in determinate situazioni, anche quelli facoltativi.

Non c’è nessuna prova che l’autismo possa essere favorito dai vaccini, mentre ci sono infinite prove che i vaccini hanno contribuito a cambiare la prognosi di tante malattie, eliminandole del tutto o riducendole significativamente.

In sintesi, AIL è schierata tutta a favore dei vaccini".

 

Roma, 26 luglio 2017
Prof. Franco Mandelli, presidente nazionale AIL

0
0
0
s2sdefault

Fitwalking for AIL

Banner pag interna

Domenica 30 settembre 2018 si svolgerà la seconda edizione del Fitwalking a sostegno di AIL, presso la terrazza del Pincio di Villa Borghese.

I fondi raccolti verranno interamente destinati all’AIL.

Cos’è il fitwalking?

Nato nel 2001 a opera di Maurizio Damilano, indimenticabile olimpionico della marcia, la fitwalking è una disciplina sportiva adatta a tutti, a chi desidera fare sport, a chi vuole migliorare le proprie capacità fisiche e a chi ama passeggiare nella natura.

Letteralmente traducibile in italiano come “camminando in forma” (camminare per il benessere), è una pratica sportiva non competitiva.

La fitwalking è ideale per mantenere il fisico attivo e combattere lo stress senza compiere sforzi eccessivi e senza sovraccaricare le strutture muscolari, articolari e ossee. In particolare:

▸ facilita la perdita di peso corporeo, garantendo il mantenimento di un buon tono muscolare;
▸ è utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari, in quanto rafforza la capacità contrattile del cuore e migliora i processi circolatori;
▸ ha effetti positivi sull’umore e l’autostima;
▸ permette di acquistare elasticità e mobilità, rendendo più agili e liberi da tensioni muscolari.

PER ISCRIVERTI CLICCA QUI                     

                         

Il 24 settembre, in occasione della Giornata Mondiale per la conoscenza della leucemia mieloide cronica (CML Day) si è tenuta la prima Fitwalking a sostegno di AIL, presso la terrazza del Pincio di Villa Borghese, un percorso di 3 Km con partenza e arrivo a Piazzale del Pincio.

I fondi raccolti sono stati interamente destinati all’AIL.

0
0
0
s2sdefault

Controllare le recidive, una sfida quotidiana per gli ematologi: sono stati fatti molti passi avanti negli ultimi anni

Leggi l'intervista realizzata in occasione della Giornata Nazionale contro Leucemie, Linfomi e Mieloma alla:

Dott.ssa Maria Teresa Petrucci
Dipartimento di Biotecnologie cellulari ed ematologia Università Sapienza di Roma

 

PetrucciSono stati fatti importanti passi avanti per il trattamento del mieloma multiplo, cosa è cambiato negli ultimi anni?

Fino a pochi anni fa avevamo a disposizione poche possibilità terapeutiche, oggi molte sono le molecole attive in questa patologia e quindi abbiamo più opportunità di selezionare farmaci che permettono di cronicizzare la malattia e di dare una migliore qualità di vita. Questi farmaci hanno anch’essi effetti collaterali, diversi dalla chemioterapia, che quando gestiti correttamente rendono i trattamenti ben tollerati.

Un tema aperto è quello del mieloma multiplo recidivato o refrattario. Quali sono le opportunità terapeutiche disponibili?

Nel mieloma multiplo le recidive fanno parte della storia naturale della malattia. Il paziente, nella maggior parte dei casi, risponde molto bene alla terapia, rimane in osservazione anche per anni ma poi i segni e i sintomi della malattia si ripresentano. Questa patologia è una sfida continua per noi medici, perché dobbiamo utilizzare al meglio ciò di cui disponiamo e fare in modo che i pazienti possano condurre una lunga vita il più possibile normale.

Le terapie combinate stanno dando buoni risultati. Quali sono quelle maggiormente utilizzate e che offrono maggiori possibilità ai pazienti?

Le terapie combinate, sia con farmaci somministrati per via orale che endovenosa, sono maggiormente efficaci, ma bisogna tener conto dei loro effetti collaterali. Quando ci troviamo di fronte ad una recidiva, la tripletta cioè la combinazione di 3 farmaci, in termini di efficacia sarebbe da preferire, ma non sempre risulta essere la scelta migliore. Non sempre infatti, il regime terapeutico che, secondo le evidenze di studi clinici sembra essere il più efficace, è il più adatto per il singolo paziente. La decisione andrà presa anche valutando la storia clinica del paziente, le terapie utilizzate in precedenza e i possibili effetti collaterali dei farmaci per evitare di interrompere in modo inappropriato i trattamenti. Bisogna sempre cercare un equilibrio tra efficacia, tollerabilità e, di conseguenza, qualità di vita della persona.

 

La Conferenza Stampa della Giornata Nazionale è stata organizzata
con la sponsorizzazione non condizionante di:

 Celgene

 

0
0
0
s2sdefault