Prof. Sergio Amadori: la terza dose è sicura e favorisce una maggiore protezione

Il parere del prof. Sergio Amadori

L’arrivo della pandemia da Coronavirus ha generato preoccupazione e incertezza in tutti noi, in particolare tra i pazienti più fragili con un sistema immunitario già compromesso. Oggi finalmente i dati scientifici, che sono tuttavia ancora pochi, ci raccontano che il vaccino per il Covid-19 è efficace e sicuro non solo sulla popolazione generale ma anche tra i pazienti più fragili compresi naturalmente i pazienti onco-ematologici. La somministrazione per loro della terza dose di vaccino è certamente utile per potenziare il loro sistema immunitario.

Chi è affetto da un tumore del sangueinfatti è purtroppo più a rischio di contrarre il virus e di andare incontro a complicanze gravi dovute al contagio; inoltre i pazienti onco-ematologici, seguendo terapie spesso immunosoppressive sono particolarmente fragili di fronte al Covid-19. Le evidenze scientifiche a nostra disposizione sono ancora poche ma indicano che la vaccinazione è utile e sicura e mostrano chiaramente che la terza dose di vaccino favorisce quei pazienti che avevano avuto una risposta immunitaria parziale con le prime due dosi. Tutti i dati attualmente indicano che non ci sono particolari tossicità legate alla vaccinazione.
Quindi, come da circolare del Ministero della Salute (14 settembre 2021) emanata dopo le ultime deliberazioni di EMA la terza dose di vaccino anti-Covid è consigliata ed è una priorità per tutti i pazienti fragili dopo almeno sei mesi dal completamento del primo ciclo di vaccinazione.

0
0
0
s2sdefault