Un paese senza ricerca è senza futuro, per questo la #buonastella raddoppia

LA BUONA STELLA RADDOPPIA PER SOSTENERE LA RICERCA 

In Italia ogni 68 minuti viene diagnosticata una leucemia, ogni 46 un linfoma, ogni 120 un mieloma. E il 2020 non è stato un anno diverso da questo punto di vista perché i tumori del sangue non vanno in lockdown. Ma negli ultimi 15 anni, anche grazie al sostegno di AIL, la ricerca ha fatto passi da gigante e oggi 7 pazienti su 10 affetti da leucemie, linfomi e mieloma riescono a guarire o a cronicizzare la malattia. Questo grazie a  terapie personalizzate e alla medicina di precisione che hanno portato ad una svolta epocale nella cura delle neoplasie ematologiche: ogni tumore è diverso dagli altri non solo per il tipo di organo che colpisce, ma anche per le sue cause genetiche o molecolari. Indagando su queste cause è possibile creare farmaci personalizzati, detti anche “intelligenti”, che colpiscono selettivamente solo le cellule malate e che impattano meno anche sulla qualità di vita del paziente.

UN PAESE SENZA RICERCA, UN PAESE SENZA FUTURO

L'emergenza sanitaria in atto ha purtroppo portato ad una battuta d'arresto di molti studi clinici perché una parte dei fondi sono stati dirottati verso altre priorità. Ma un Paese senza ricerca è un Paese senza futuro e per questo AIL si impegna ogni giorno affinché anche gli studi innovativi sulla cura dei tumori del sangue non subiscano una battuta d'arresto. Ogni anno l'Associazione investe in ricerca oltre 9 milioni di euro che vanno a sostenere 200 progetti di studio in tutta Italia, borse di studio per giovani ricercatori e il materiale di consumo necessari per i trials. E questo impegno deve continuare.

 

728x90 logoAmaz

 

LA #BUONASTELLA RADDOPPIA PER LA RICERCA

In questo anno difficile AIL ha deciso di raddoppiare la solidarietà. Oltre al tradizionale appuntamento con la Stella di Natale, l'Associazione ha lanciato un nuovo gagdet: una stella di cioccolato da 350 grammi che è disponibile su Amazon.it e che arriverà direttamente a casa vostra. I fondi raccolti andranno totalmente redistribuiti tra le 81 sedi territoriali AIL, per fare in modo che in tutta Italia la ricerca di cure sempre più efficaci non si fermi mai. Anche se non avete potutto acquistare la vostra stelle di Natale c'è ancora una possibilità per sostenerci e per dare un futuro ai sogni dei pazienti.

Per un malato di leucemia, la #buonastella sei tu!

0
0
0
s2sdefault